Il rischio di esplosione è connesso alla presenza di sostanze infiammabili o polveri combustibili che, in condizioni particolari di concentrazione nell’aria, possono risultare potenziali fonti di pericolo.

Individuate le sorgenti di emissione, si dovrà procedere a classificare le zone con pericolo di esplosione presenti nel luogo di lavoro, ovvero le zone in cui possono formarsi concentrazioni pericolose seguendo le disposizioni delle norme tecniche di riferimento.

Quindi dovrà essere condotta la valutazione del rischio di esplosione mettendo in relazione la classificazione delle aree a rischio con le probabili o possibili sorgenti di accensione efficaci, al fine di ottenere una stima del rischio ed elaborare quindi un documento denominato: “documento sulla protezione contro le esplosioni” (art. 294 D.Lgs. 81/08).

RICHIEDI UNA CONSULENZA


CATEGORIE CORSI