Nelle nostre case siamo sottoposti a vari tipi di disturbi acustici: rumori aerei provenienti dall’esterno (traffico stradale, ferroviario, rumori di attività produttive), rumori aerei e impattivi provenienti dai vicini (calpestio), rumori provenienti da impianti all’interno dello stesso edificio (scarichi dei sanitari, riscaldamento, autoclave).

La normativa acustica italiana è sufficientemente completa da garantire un’adeguata tutela dei cittadini dai disturbi di rumore di varia origine. Per i rumori immessi nelle abitazioni provenienti da impianti ed attività produttive vicine la legge definisce un limite molto restrittivo a tutela del cittadino, definito “criterio differenziale” (DPCM 14/11/97).

Esso consiste nel misurare, all’interno delle abitazioni, la differenza di rumore che si verifica con la sorgente di disturbo attiva e in assenza di tale sorgente; il massimo scarto consentito dalla legge è di 5 decibel in periodo diurno (dalle ore 6:00 alle ore 22:00) e di 3 decibel in periodo notturno (dalle ore 22:00 alle ore 6:00). I disturbi acustici provenienti dal vicinato, quando sono dovuti a comportamenti irrispettosi o a maleducazione, sono regolati dal Codice Civile (articolo 844), e dal Codice Penale se arrecano disturbo alla quiete pubblica (art. 659).
Non sempre però i disturbi sono da addebitarsi a pessimi comportamenti del vicino, quanto piuttosto ad un vizio costruttivo dell’edificio che non garantisce il necessario isolamento acustico. In tal senso, con il DPCM 5/12/97, la legge obbliga i progettisti ed i costruttori a realizzare gli edifici con un adeguato isolamento acustico sia dai rumori esterni, sia dai rumori interni.
Negli ultimi anni ciò ha dato luogo a contenziosi fra costruttori e acquirenti per immobili privi dei requisiti minimi di isolamento acustico previsti dalla legge, che in alcuni casi hanno portato al deprezzamento dell’immobile stesso in ambito giudiziario.

RICHIEDI UNA CONSULENZA


CATEGORIE CORSI