Risorse Idriche Regolamento DPGR 61/R

Regione Toscana – Regolamento DPGR 61/R

La Regione Toscana ha recentemente aggiornato in data 11/08/17 il regolamento  61/R in materia di utilizzo delle risorse idriche e disciplina dei procedimenti di rilascio dei titoli concessori e autorizzazioni per uso di acqua.

La disciplina proposta dal Regolamento riprende le indicazioni già presenti nella precedente versione, regolando gli aspetti relativi al rilascio delle concessione delle risorse idriche.

I recenti aggiornamenti hanno riguardo  aspetti che, nella precedente versione, hanno costituito le criticità più significative, ovvero la disciplina dei canoni di concessione. Oggetto del presente articolo riguarda il calcolo dei canoni di risorse idriche derivate da falda  a “Uso per produzione di beni e servizi”.

All’interno di tale categoria, così come espressamente definito nell’Allegato A del DPGR 61/R, rientra utilizzo della risorsa idrica nel ciclo produttivo da parte di imprese industriali ed artigianali.

marconcinisrl.com - risorse idriche regione toscana

CALCOLO DEI CANONI DI CONCESSIONE

I nuovi importi dei canoni, valevoli per anno 2017, saranno da calcolare ai sensi della nuova formula, definita nell’art 14 del Regolamento 61/R in materia di utilizzo delle risorse idriche sarà:

canone annuo = CF + CV * PMA

CF : componente fissa del canone

CV: componente variabile del canone

PMA : portata media di concessione in l/s

 

CONSIDERAZIONI RIGUARDO NUOVE INDICAZIONI DEL DGPR 61/R

Con la delibera n. 889 del 07/08/2017 sono stati definiti i valori delle componenti del canone di cui sopra e sono stati inoltre definiti ulteriori dettagli di seguito elencati:

– scadenza per effettuazione del pagamento del canone al 30 novembre 2017

– presentazione istanza di riduzione del canone di prelievo ai sensi delle specifiche definite nell’allegato A della delibera n. 899 del 07/08/2017 fino ad un massimo di riduzione pari al 35%

– termine scadenza per presentazione istanze di riduzione entro il 20 ottobre 2017

– il canone di prelievo sarà triplicato per tutti gli usi ad eccezione del potabile; per quanto attiene le aziende del territorio pratese tutte rientrano all’interno di questa casistica.

– applicabilità del campo pozzi fino a 5 punti di prelievo; oltre i 6 puti il canone viene ulteriormente quadruplicato.

Gli uffici preposti di Regione Toscana invieranno comunicazioni ufficiali che invitano le aziende a presentare entro la data del 20 ottobre 2017 formale istanza di richiesta riduzione del canone.

Il regolamento risaluta disponibile alla pagina

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *