Reg. UE 1357/2014 – Criteri di classificazione dei rifiuti

REGOLAMENTO UE 1357/2014: NUOVA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

A decorrere dal 01/06 u.s. è entrato in vigore il Regolamento Europeo n. 1357/2014  che è andato a sostituire l’allegato III – inerente le caratteristiche di pericolosità dei rifiuti – della direttiva precedente sui rifiuti 2008/98/CE. L’introduzione di queste modifiche ricalca la strada già tracciata sia dal regolamento REACH, prima, che dal successivo Regolamento CLP n. 1272/2008/EU che riguarda la classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze chimiche e miscele.

L’introduzione di una nuova normativa inerente la classificazione dei rifiuti è stata attuata mediante decisione n. 955/2014 con la quale sono stati prodotti una serie aggiornamenti al Regolamento Europeo n. 1357/2014 .

Lo scopo di queste modifiche è stato quello di armonizzare le regole sulla classificazione dei rifiuti in ottemperanza alle normativa sulla classificazione (Regolamento  CLP n. 1272/2008/EU). Volendo riassumerle, in particolare,  le modifiche introdotte hanno riguardato:

– definizione di non applicabilità del Regolamento CLP ai rifiuti;

– individuazione di nuove caratteristiche di pericolo, da H e HP (Hazardous Properties) distinguendole così dalle indicazioni H della normativa CLP; sono difatto stati sostituiti le precedenti dizioni H con le nuove frasi HP, ma non attraverso una semplice trasposizione;

– individuazione di valori soglia per le varie caratteristiche di pericolo HP;

– individuazione di nuovi codici CER di smaltimento.

Tale classificazione permetterà, in modo più operativo, di poter individuare la pericolosità dei rifiuti classificandolo secondo un metodo che si basa su applicazione di valori soglia  e valutazione  sulla base dei criteri chimici. In questo modo quindi, sia attraverso specifiche determinazioni analitiche sui rifiuti in oggetto, ovvero attraverso un analisi precisa delle SDS dei prodotti impiegati, risulterà possibile classificare i rifiuti ed attribuire un preciso codice CER.

Risulterà pertanto indispensabile, oltre all’attività analitica da svolgere direttamente sui rifiuti, conoscere le attività e l’impiego di eventuali prodotti chimici al fine di meglio contestualizzare all’interno del ciclo produttivo il rifiuto stesso.

 

La normativa risulta in vigore dal 1 giugno 2015 e risulta necessario in qualità di produttori adempiere a tali obblighi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *